Translate

Cerca nel blog

giuridico, antropologico, teologico e sociale

da https://www.facebook.com/simec.auriti.3
non mi rendono possibile di dare la amicizia al mio altro canale
 https://www.facebook.com/shalom.Gerusalemme
lorenzojhwh Unius KING the LEVIATHAN

 LEGA FARISEI ARABA ] i vostri stramorti all'inferno si legano ai mei esorcismi ed agonizzano! ed è una scena veramente penosa [ non ha nessuna importanza quello che voi andate CIANCIANDO! io sono l'Esercito del Signore, io sono la giustizia universale. e voi siete sempre gli apostati ribelli criminali tutti destinati alla distruzione! mene techel peres. amen. alleluia. Burn Satana in Jesus's name. amen alleluia, Drink your poison made by yourself

Lorenzojhwh HumanumGenus · Figlio del Re dei Re presso Regno di Dio
diciamo che per amore di zio Vladimir Putin
noi facciamo questo lavoro, di informazione alternativa al non allineato al regime Bilderberg SpA NWO, lo facciamo gratis per non essere uccisi dalla NATO, in questa pianificata guerra fratricida tra cristiani, per completare il progetto di islamizzazione della Europa! http://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/europa/2018/01/10/dem-usa-mosca-puo-interferire-in-italia_3815f03b-09ad-4161-af0d-fc2e00759d82.html
lorenzojhwh Unius KING the LEVIATHAN

 LEGA FARISEI ARABA ] i vostri stramorti all'inferno si legano ai mei esorcismi ed agonizzano! ed è una scena veramente penosa [ non ha nessuna importanza quello che voi andate CIANCIANDO! io sono l'Esercito del Signore, io sono la giustizia universale. e voi siete sempre gli apostati ribelli criminali tutti destinati alla distruzione! mene techel peres. amen. alleluia. Burn Satana in Jesus's name. amen alleluia, Drink your poison made by yourself

 LEGA FARISEI ARABA ] i vostri stramorti all'inferno si legano ai mei esorcismi ed agonizzano! ed è una scena veramente penosa [ non ha nessuna importanza quello che voi andate CIANCIANDO! io sono l'Esercito del Signore, io sono la giustizia universale. e voi siete sempre gli apostati ribelli criminali tutti destinati alla distruzione! mene techel peres. amen. alleluia. Burn Satana in Jesus's name. amen alleluia, Drink your poison made by yourself

il problema del Pd Banche Centrali, trilaterale, Regime Bilderberg e Governo ombra Soros SpA FED FMI BCE, ecc... è quello che loro sono terrorizzati dalla demonio-crazia e dalla libera circolazione delle idee.. perché soltanto quelle loro non sono le Fake News!
Dem Usa, Mosca può interferire in Italia
Rapporto punta il dito su M5S e Lega. I russi: 'E' un bugiardo'
http://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/europa/2018/01/10/dem-usa-mosca-puo-interferire-in-italia_3815f03b-09ad-4161-af0d-fc2e00759d82.html
WASHINGTON, 10 GEN - "Con le elezioni in arrivo nel 2018, l'Italia potrebbe essere un obiettivo per l'interferenza elettorale del Cremlino, che probabilmente cercherà di promuovere i partiti che sono contro il rinnovo delle sanzioni europee alla Russia" per l'Ucraina: lo afferma il rapporto sulle ingerenze russe internazionali redatto dallo staff del senatore democratico Usa Ben Cardin, che nelle tre pagine dedicate all'Italia 'punta il dito' sui 5 Stelle e la Lega Nord.
    "E' un bugiardo": così la portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova - interpellata dall'ANSA - ha definito Cardin, a proposito del rapporto in questione. "Spetta agli italiani eleggere i propri leader", ha dichiarato Zakharova.
lorenzojhwh Unius KING the LEVIATHAN

 LEGA FARISEI ARABA ] i vostri stramorti all'inferno si legano ai mei esorcismi ed agonizzano! ed è una scena veramente penosa [ non ha nessuna importanza quello che voi andate CIANCIANDO! io sono l'Esercito del Signore, io sono la giustizia universale. e voi siete sempre gli apostati ribelli criminali tutti destinati alla distruzione! mene techel peres. amen. alleluia. Burn Satana in Jesus's name. amen alleluia, Drink your poison made by yourself

 LEGA FARISEI ARABA ] i vostri stramorti all'inferno si legano ai mei esorcismi ed agonizzano! ed è una scena veramente penosa [ non ha nessuna importanza quello che voi andate CIANCIANDO! io sono l'Esercito del Signore, io sono la giustizia universale. e voi siete sempre gli apostati ribelli criminali tutti destinati alla distruzione! mene techel peres. amen. alleluia. Burn Satana in Jesus's name. amen alleluia, Drink your poison made by yourself

Muslims Kidnap Christian Teen Girl And Sell Her As A Sex Slave To Muslim Man For $160
By Andrew Bieszad on January 10, 2018 in Featured, General

At the statistics come in, last year over thousands of Christians were kidnapped, assaulted, raped or sold into slavery by Muslims, such as the case of one Christian woman who was kidnapped and sold to a local Muslim leader for $160:

    The head of one of the most prominent Christian persecution watchdog organizations in the United States shared the horrifying story of a young Christian girl who was kidnapped last year while on her way to school and sold off to a Muslim tribal leader for less than $200.

    At the unveiling of the 2018 World Watch List at the National Press Club on Wednesday, Open Doors USA CEO David Curry explained that there were over 2,260 cases of Christian women and girls who were either raped, assaulted or forced into Islamic marriages during the organization’s 2017 reporting period.

    One girl who faced such an experience in 2017 was a 14-year-old Nigerian Christian girl, Curry recalled.

    Referring to her by the name of “Habiba,” Curry detailed the situation that her family faces.

    “In Nigeria, which is No. 14 on the World Watch List, there was a 14-year-old girl this year who was walking to school — the picture of innocence,” he said. “As she walked to school, she was kidnapped and taken from her family by a Muslim extremist living in the northern tribal region. She was forced into marriage.”

    Curry said that after the child was taken from her family, the extremist kidnapper agreed to sell the girl.

    “A deal was cut with the tribal leader under sharia law to sell this 14-year-old girl, Habiba, for $160,” Curry explained. “Do you believe this is unique? It’s not.”

    Open Doors USA estimates that about six women and girls throughout the world are raped, assaulted or forced into Islamic marriages every day.

    Curry urged Christians in the West to put faces to the statistics.

    “Imagine your mother or sister, your daughter being forced, being taken away from her home and being forced into marriage with a Muslim extremist maybe for $160,” he stated.

    He also highlighted the story of a 47-year-old nun in India who was raped and abused by Hindu extremists.

    “[L]ike Mother Teresa, [she] worked with the poorest of the poor in India,” Curry said. “Because of her faith and because of the rising pressure of persecution in India, she faced numerous threats on her life from Hindu extremists, who said to her, ‘Stop working with the poor, stop loving people in Jesus’ name or we will kill you or hurt you.'”

    Those threats came true when two extremists attacked the nun at her medical clinic, Curry said. The nun was drugged, raped and left tied to a bed unconscious.

    “When the police came to investigate, they began to systematically destroy evidence and had the shoddyist of investigative processes,” he stated. “That’s what justice is like in India.”

    According to Curry, the nun’s attackers were acquitted. (source)

CHRISTIANS ARE BEING TORTURED AND MURDERED AS WE SPEAK. PLEASE CLICK HERE TO GIVE A DONATION THAT WILL HELP OUR RESCUE TEAM
lorenzojhwh Unius KING the LEVIATHAN

 LEGA FARISEI ARABA ] i vostri stramorti all'inferno si legano ai mei esorcismi ed agonizzano! ed è una scena veramente penosa [ non ha nessuna importanza quello che voi andate CIANCIANDO! io sono l'Esercito del Signore, io sono la giustizia universale. e voi siete sempre gli apostati ribelli criminali tutti destinati alla distruzione! mene techel peres. amen. alleluia. Burn Satana in Jesus's name. amen alleluia, Drink your poison made by yourself
8
 LEGA FARISEI ARABA ] i vostri stramorti all'inferno si legano ai mei esorcismi ed agonizzano! ed è una scena veramente penosa [ non ha nessuna importanza quello che voi andate CIANCIANDO! io sono l'Esercito del Signore, io sono la giustizia universale. e voi siete sempre gli apostati ribelli criminali tutti destinati alla distruzione! mene techel peres. amen. alleluia. Burn Satana in Jesus's name. amen alleluia, Drink your poison made by yourself

Nine Out Of Ten Countries Where Christians Suffer The Most Persecution Are Islamic, Being A Christian Is Illegal Or Punishable Where Almost 1 In 12 Christians Live In The World Today
By Andrew Bieszad on January 10, 2018 in Featured, General

Open Doors USA just released their annual Christian persecution watch list with the 50 nations Christians suffer the greatest amount of persecution in. Not suprising, 9 of the top 10, 19 of the top 25, and 36 of the top 50- or 90%, 76%, and 72% respectively- of all of the persecution of Christians comes from Muslim-majority nations, and 1 in 12 Christians in the world lives in an area where Christianity is illegal or punishable. according to their report:

    But the new report reveals an alarming trend as countries driven by Islamic extremism reach persecution levels rivaling those in North Korea. Afghanistan (#2) and North Korea nearly tied for the No. 1 spot. Never before have the top two countries been so close in persecution incidents. Both countries are extreme in intolerance and outright persecution of Christians in all six areas of life that Open Doors monitors.

    Countries in Africa, Asia and the Middle East are intensifying persecution against Christians. Perhaps the most vulnerable are Christian women, who often face double persecution for their faith and gender.

    Every day, six women are raped, sexually harassed or are forced into marriage to a Muslim under threat of death due to their Christian faith. Research for the World Watch List documented 2,260 such incidences against women—and this number only covers those who had the courage to report such an incident, representing only a fraction of those actually raped and harassed in this way. Throughout this year, we’ve shared numerous stories of women, such as Debora in Nigeria, Rana in Iraq and Workitu in Ethiopia martyred for her faith, who have experienced dual persecution because they 1) believe in Jesus and 2) because they are female.

    The overall numbers signal an increase in violence–especially against women, says Open Doors USA CEO David Curry. “It’s imperative we continue to advocate and call leaders to prioritize issues of religious freedom.” (source)

The report noted that while Christian persecution is most severe in Pakistan and Islamic violence remains the primary driving force of Christian persecution. It said that six countries saw a dramatic increase in persecution of Christians, of which five of them are Muslim- Egypt, Libya, Kazakhstan, Tajikistan, and Turkey. However, there was one exception to this list, and that is India. Additionally, the report noted that the cause of the persecution in India was religious nationalism.

This fits with the assessment we gave during our 2017 end of the year summary for our major stories and trends of 2017 to watch going into the next year in which we wrote:

    Christians are suffering persecution all around the world. However, a major nation to watch in the years coming is India because plans are actively under way by Hindu Nationalists to exterminate all non-Hindus and create a Hindu ethnostate no different than what Germany and Japan attempted to do centuries ago. These plans have been confirmed by both Christians as well as former Hindu Nationalists involved in creating them yet nobody is discussing them. Shoebat.com is the first and only website to systematically identify and outline the plans of these Hindu nationalists and call for Christians to prepare to help their Indian brothers as their lives will need it in the coming years. (source)

The fact remains that Muslim persecution of Christians is the single greatest cause of Christian persecution throughout the world by an indisputable measure. However, this does not mean that Christians persecuted in other areas should be ignored. At the same time, the persecution of Christians at the hands of ethnonationalist Hindus fits with the trend that Shoebat.com has been following in the west, which is the like rise of ethnonationalist paganism that is inherently anti-Christian and is being increasingly defined by anti-Christian pagans. While the form is different and the state of advancement might be delayed, the “alt-right movement” is simply a tool and will go down as such in history books as the vehicle by which ethnonationalism and the inevitable persecution of Christians that will follow was introduced and normalized to the people. What is happening in India is an extension of this.

According to official statistics from the Indian government, there are approximately 24 million Christians in India, or the population of both Kazakhstan and Libya put together. As the report noted, India is not yet in the top 10 nations for persecution, but in the duration of one year it went from #15 to #11. If trends continue at the rate they are, and currently they are, India will be in the top 10 nations where Christians are persecuted and will along with North Korea be the only one whose persecution does not come from the enforcement of Islamic theology by Muslims.

Additionally, another interesting point was that according to statistics, 6 Christian women each day are sexually assaulted worldwide as part of the persecution of Christians that is a way of life in so many areas in the world. While these statistics are terrible and certainly not something to boast about, there is hope, for thanks to your help, Rescue Christians was able to report that we have been able to Rescue an average of 5 to 6 Christians each day, EVERY day, from slavery. This could not have been accomplished without the assistance of many people who have supported us in this important and life-saving ministry.

It has scarcely been two weeks into 2018 and already Christian persecution has been making headlines in the news around the world with all of the horrors that defines it. There is much work ahead this year, and given the political and social climates with rising and institutionalized hatred of Christianity done in the name of race, “tolerance” or other popularized ideas, much preparatory work that needs to be done to prepare for the persecution in the years to come.
CHRISTIANS ARE BEING TORTURED AND MURDERED AS WE SPEAK. PLEASE CLICK HERE TO GIVE A DONATION THAT WILL HELP OUR RESCUE TEAM
lorenzojhwh Unius KING the LEVIATHAN

 LEGA FARISEI ARABA ] i vostri stramorti all'inferno si legano ai mei esorcismi ed agonizzano! ed è una scena veramente penosa [ non ha nessuna importanza quello che voi andate CIANCIANDO! io sono l'Esercito del Signore, io sono la giustizia universale. e voi siete sempre gli apostati ribelli criminali tutti destinati alla distruzione! mene techel peres. amen. alleluia. Burn Satana in Jesus's name. amen alleluia, Drink your poison made by yourself

Major Hindu Terrorist Group With A Long History Of Violence Against Christians Says ‘If You Are A True Hindu, You Will Go Out And Buy Guns And Prepare To Fight The “Evil Forces” In India’
By Andrew Bieszad on January 10, 2018 in Featured, General

Bajrang Dal is a major Hindu terrorist group with a long history of violence against Christians in India. Founded in 1984, the group’s self-stated goal is the “reversal” of all “non-Hindu” influence in India, including the purge of all non-Hindu religions and making the cow the national symbol of India. This accords with what we have been warning about with the “Hindutva Rashtra,” or the “pure Hindu ethnostate” that Hindu nationalists state they want to realize and in both idea and the means by which they wish to go about realizing it are absolutely no different than what happened during World War II in Germany and Japan, except in an Indian context. Bajrang Dal has also been tied to racist, ethnonationalist, and anti-Christian movements abroad, including the Kahanist movement in Israel.

In a statement by Bajrang Dal leaders, they have told their followers that they need to go out and buy guns to prepare to fight the “evil forces” in India, according to a report:

    In a bizarre statement, Bajrang Dal leaders in western Uttar Pradesh have asked Hindus to purchase guns and not mobiles to protect Hindu religion as “evil forces persists in India”. An appeal was also issued asking Hindus to visit Hanuman temples and not `Mazars’.

    The statement came from Balraj Singh Dungar, regional coordinator of Bajrang Dal, who said during a Sant Samaj Sammelan in Meerut that Hindu dharma was in peril because evil forces were raising their heads. “If you are a true Hindu, take a vow to protect your religion. So, instead of purchasing a new mobile, purchase a gun,” he said in the meeting.

    He did not specify who the evil forces were but talked about “love jihad” and how this practice was spreading its tentacles.

    Dungar said that all Hindu Gods and Goddesses have arms to protect the society and religion from evils. “If Hindu Gods have arms, what’s wrong if we (Hindus) get arms and ammunition? These are not for attack but to defend ourselves,” he said.

    In the same meet, the Maha-mandaleshar of Sankat Mochan Hanuman Sri Balaji and Sri Shani Dham Peeth, Mahendra Das, said Hindus should not visit `mazars’. They should admire the divine power of Lord Hanuman and visit Hanuman Temples.

    The statement of Bajrang Dal came at a time when the Vishwa Hindu Parishad has launched a massive enrolment campaign where volunteers were enrolled in Bajrang Dal at special camps held across Uttar Pradesh.

    At present, there are around 10 million active Bajrang Dal members in the country and the target was to increase it to 40 million. In UP alone, the target of the Sangh Parivar is to enrol 1.2 million new Bajrang Dal members.

    The VHP’s department secretary, (Awadh Prant), Devendra Mishra, told this reporter that the criteria for new membership is that the members should be in the age group of 15 to 35 years and swear by the ideology of ‘Seva, Suraksha, Sanskar’.

    The issue of ‘ghar vapsi’, protection of Hindu community and opposition to ‘love jihad’, besides service to the poor and downtrodden were some of the prime activities of Bajrang Dal, he said.

    Clarifying that Muslim youths are not enrolled in the Bajrang Dal as the Sangh Parivar has separate wing for them called Rashtriya Muslim Manch, Mishra said Christians won’t be accepted.

    Mishra said that the Bajranj Dal was yet to commence its much-publicised Trishul Diksha, which was stopped in 2006. “Every year, in the months of May-June, firearms training camp are organised in different parts of the state. The first camp was held in Ayodhya while in 2017, the camp was held in Hardoi,” he said. (source)

CHRISTIANS ARE BEING TORTURED AND MURDERED AS WE SPEAK. PLEASE CLICK HERE TO GIVE A DONATION THAT WILL HELP OUR RESCUE TEAM
lorenzojhwh Unius KING the LEVIATHAN
lorenzojhwh Unius KING the LEVIATHAN
52
 LEGA FARISEI ARABA ] i vostri stramorti all'inferno si legano ai mei esorcismi ed agonizzano! ed è una scena veramente penosa [ non ha nessuna importanza quello che voi andate CIANCIANDO! io sono l'Esercito del Signore, io sono la giustizia universale. e voi siete sempre gli apostati ribelli criminali tutti destinati alla distruzione! mene techel peres. amen. alleluia. Burn Satana in Jesus's name. amen alleluia, Drink your poison made by yourself

shariah ha detto: " uno di meno" ] Il sacerdote sgozzato da un musulmano fanatico incentivava il dialogo interreligioso nella sua comunità. Collaborando con le autorità islamiche locali
Padre Jacques Hamel è stato ucciso nella sua parrocchia, quella dedicata a Saint-Etienne du Rouvray.
Aveva 86 anni ed era nato nel 1930 a Darnétal, comune vicino a Saint-Etienne du Rouvray. Ordinato sacerdote nel 1958. Nel 2008 aveva festeggiato i 50 anni di sacerdozio. Aiutava il parroco Auguste Moanda Phauati, e di tanto in tanto celebrava qualche Messa proprio come è accaduto ieri mattina quando i due attentatori hanno fatto irruzione nella chiesa vicino a Rouen e lo hanno sgozzato. È lui il primo sacerdote in Europa, martire dell’Isis (Avvenire, 26 luglio)

All’inizio dell’estate, padre Jacques ha lanciato ai suoi fedeli questo appello, di certo non immaginava che sarebbe diventato il suo testamento spirituale: «Possiamo ascoltare in questo tempo l’invito di Dio a prendere cura di questo mondo, per renderlo, là dove viviamo, più caloroso, più umano, più fraterno» (La Repubblica, 26 luglio).

“NON VOLEVA ANDARE IN PENSIONE”
Un appello, scritto il 6 giugno sul bollettino parrocchiale, che voleva essere una piccola risposta agli orrori, alle stragi, che sempre più si susseguivano in tutto il mondo a causa del terrorismo. «Era coraggioso per la sua età – ha spiegato a Liberation (26 luglio) l’abate congolose Auguste Moanda-Phuati, della stessa parrocchia – i sacerdoti possono andare in pensione a 75 anni ma lui si sentiva ancora forte».

AMICO DELL’IMAM
Ma i suoi assassini non sapevano tutto questo. Non sapevano che era amico fraterno dell’Imam Mohammed Karabila, presidente del Consiglio regionale per il Culto Musulmano dell’Alta Normandia. Che ora non si dà pace. Non sapevano nemmeno, probabilmente, che la moschea di Saint Étienne-du-Rouvray è stata costruita proprio su un pezzo di terra che la parrocchia in cui sono entrati come barbari aveva offerto alla comunità musulmana (Corriere della Sera, 26 luglio).

INIZIATIVE CON I MUSULMANI
Non sapevano, senza dubbio, neppure che in quella moschea l’abate Jacques Hamel aveva partecipato alla cerimonia funebre in memoria di un musulmano, Imad Ibn Ziaten, il paracadutista di 30 anni assassinato quattro anni fa dal franco-algerino Mohammed Merah, in una serie di attentati nel Sudovest della Francia.

LEGGI ANCHE: Per questo i cristiani non devono temere il dialogo interreligioso

“UOMO DI PACE”
Non sapevano che il sacerdote cattolico e il religioso musulmano facevano parte da un anno e mezzo, da quando i fratelli Kouachi avevano inaugurato la stagione di sangue nella redazione parigina di Charlie Hébdo, di un comitato interconfessionale, in cui si ragionava di religione e convivenza.

Mohammed Karabila, il presidente del Consiglio regionale della Normandia del culto musulmano, lo ha descritto come «un uomo di pace», che «ha dedicato la sua vita alle sue idee e alla religione» (Le Figaro’, 26 luglio).

“FINO ALL’ULTIMO RESPIRO”
Padre Aime Remi Mputu Amba, il decano di un’altra chiesa locale, lo ha descritto come un uomo di «grande discrezione e grande attenzione» che ha portato un «raggio di sole» per le riunioni.

Parlando a Le Figaro, padre Mputu Amba ha dichiarato: «Nonostante la sua età avanzata era ancora pienamente investito nelle attività della sua parrocchia. Con lui scherzavo spesso. Una volta gli ho detto: “Jacques, è il momento di prendere la pensione..”. E lui mi ha risposto, ridendo, “Hai mai visto un pastore in pensione? Lavorerò fino al mio ultimo respiro”».

LEGGI ANCHE: Preti uccisi nel mondo: l’escalation del martirio

OMICIDIO INCOMPRENSIBILE
Il Reverendo Alexandre Joly, un prete di una parrocchia vicina, è sconvolto sull’assurdo massacro di Padre Jacques: «Nel momento in cui un sacerdote sta dando un atto d’amore per i suoi fedeli, durante la santa messa, viene ucciso. Tutto questo è incomprensibile. Padre Hamel era molto gentile, non ha mai odiato nessuno, né conosco persone che lo odiavano» (Aleteia.org, 26 luglio).

VENERDÌ DI DIGIUNO
I vescovi francesi hanno intanto decretato una giornata di digiuno per venerdi’ 29 luglio. Monsignor Olivier Ribadeau Dumas, segretario generale della Conferenza episcopale francese, ha spiegato che sarà una giornata di preghiera e riflessione in tutte le diocesi francesi nel ricordo di chi, come Padre Jacques, è stato ucciso solo perché colpevole di essere un sacerdote cristiano cattolico. «Morire per l’odio religioso di altro, è un’ulteriore motivazione a incentivare una vita fraterna tra tutti gli uomini», ha detto Dumas.
lorenzojhwh Unius KING the LEVIATHAN
lorenzojhwh Unius KING the LEVIATHAN
54
 LEGA FARISEI ARABA ] i vostri stramorti all'inferno si legano ai mei esorcismi ed agonizzano! ed è una scena veramente penosa [ non ha nessuna importanza quello che voi andate CIANCIANDO! io sono l'Esercito del Signore, io sono la giustizia universale. e voi siete sempre gli apostati ribelli criminali tutti destinati alla distruzione! mene techel peres. amen. alleluia. Burn Satana in Jesus's name. amen alleluia, Drink your poison made by yourself

A colpire i cristiani in Asia è invece il “nazionalismo religioso” paragonato a “uno tsunami” che “scuote il continente lasciandosi alle spalle distruzione e a volte morte”. L’India è di fatto il caso più preoccupante, seguito dal Nepal.

La tendenza si registra anche nel mondo buddista, dove si manifesta una “persecuzione differente nelle espressioni ma crescente e più subdola”: è il caso di Sri Lanka, Bhutan e Myanmar. Pesante è anche “l’impatto dei nazionalismi ideologici”, in Cina, Vietnam e Laos dove “l’ideologia comunista sembra riprendere vita”. Il rapporto riconosce poi la “paranoia dittatoriale” come fonte principale di persecuzione in Paesi come la Corea del Nord e l’Eritrea; i cristiani in Messico e Colombia sono invece vittime di “corruzione e crimine organizzato uniti ad anta
Cristiani perseguitati: 215 milioni subiscono intolleranza. Oltre 3mila uccisi per la fede

Cristiani e persecuzioni


I dati sono resi noti dall’associazione internazionale Porte aperte nel suo rapporto annuale, il World Watch List 2018 (riferito al periodo tra il 1° novembre 2016 e il 31 ottobre 2017). A guidare la lista dei 50 Paesi dove i cristiani sono più perseguitati, sono la Corea del Nord e l’Afghanistan. Nelle “top ten” ci sono però anche Somalia, Sudan, Pakistan, Eritrea, Libia, Iraq, Yemen e Iran. È in Pakistan che la persecuzione ha i connotati più violenti in assoluto. I Paesi europei nella lista sono la Turchia, al 31° posto, e l’Azerbaigian, al 45°. Colombia e Messico gli unici del continente americano. Una escalation di intolleranza è stata registrata in Libia e in India, dove a motivo della crescente influenza del radicalismo induista sono stati compiute aggressioni su oltre 24mila cristiani indiani. Nel corso degli scorsi mesi sono peggiorate anche il Nepal (che è entrato quest’anno nella classifica ed è al 25° posto) e l’Azerbaigian.

“Cresce ancora la persecuzione anti-cristiana nel mondo in termini assoluti: oggi sono oltre 215 milioni i cristiani perseguitati”. È il primo dato del World Watch List 2018, il rapporto annuale dell’associazione internazionale Porte aperte, che lavora in 25 Paesi a sostegno dei cristiani di ogni denominazione vittime di soprusi e vessazioni a motivo della fede. Si tratta della lista dei 50 Paesi dove i cristiani sono più perseguitati, vale a dire dove subiscono maltrattamenti come “singoli o gruppi di persone a motivo della fede in Gesù”, che possono andare dalla discriminazione culturale e sociale, disconoscimento familiare, privazione di lavoro e di reddito, fino ad abusi fisici, torture, rapimenti, mutilazioni, distruzione di proprietà, imprigionamenti, assassini. I Paesi sono divisi in tre gruppi, in base al “grado di persecuzione” registrato: alto (con un punteggio tra 41 e 60), molto alto (61-80), estremo (81-100). Il punteggio e quindi la posizione nella classifica sono determinate dalla somma dei punteggi in sei ambiti: privato, famiglia, comunità, chiesa, vita pubblica e violenza.

    In testa a questa triste lista sono Corea del Nord e Afghanistan.

Nelle “top ten” ci sono però anche Somalia, Sudan, Pakistan, Eritrea, Libia Iraq Yemen e Iran. È in Pakistan che la persecuzione ha i connotati più violenti di tutti i 50 Paesi. I Paesi europei nella lista sono la Turchia, al 31° posto, e l’Azerbaijan, al 45°. Colombia e Messico gli unici del continente americano. Una escalation di intolleranza è stata registrata in Libia e in India, dove a motivo della crescente influenza del radicalismo induista sono stati compiute aggressioni su oltre 24mila cristiani indiani. Nel corso degli scorsi mesi sono peggiorate anche il Nepal (che è entrata quest’anno nella classifica ed è al 25°) e l’Azerbaigian.

    Secondo il Rapporto, nel periodo tra il 1.11.2016 e il 31.10.2017, 3.066 cristiani sono stati uccisi a causa della loro fede, 15.540 edifici di cristiani sono stati attaccati (chiese, case private e negozi).

La persecuzione anti-cristiana “va ben oltre” questi numeri: la si legge anche nei 1.922 cristiani detenuti senza un processo, nei 1.252 cristiani rapiti, negli oltre 1.000 stupri, così come nei 1.240 matrimoni forzati e nei 33.255 cristiani “fisicamente o mentalmente abusati”. Sono tutte “vite devastate a causa di una scelta di fede”, sottolinea Cristian Nani, il direttore di Porte Aperte che precisa: si tratta di “cifre che purtroppo sono da considerare punti di partenza poiché potenzialmente enorme è la realtà sommersa dei crimini non denunciati o non registrati contro i cristiani in molti Paesi”. Secondo Porte apertegonismo etnico”. “Buone notizie” nel Rapporto sono il leggero miglioramento della situazione in Kenya ed Etiopia, e il “calo notevole della violenza mirata contro i cristiani” in Siria, in primo luogo per l’arretramento dell’Isis.
lorenzojhwh Unius KING the LEVIATHAN
lorenzojhwh Unius KING the LEVIATHAN
55
 LEGA FARISEI ARABA ] i vostri stramorti all'inferno si legano ai mei esorcismi ed agonizzano! ed è una scena veramente penosa [ non ha nessuna importanza quello che voi andate CIANCIANDO! io sono l'Esercito del Signore, io sono la giustizia universale. e voi siete sempre gli apostati ribelli criminali tutti destinati alla distruzione! mene techel peres. amen. alleluia. Burn Satana in Jesus's name. amen alleluia, Drink your poison made by yourself

Cristiani perseguitati: 215 milioni subiscono intolleranza. Oltre 3mila uccisi per la fede

Cristiani e persecuzioni


I dati sono resi noti dall’associazione internazionale Porte aperte nel suo rapporto annuale, il World Watch List 2018 (riferito al periodo tra il 1° novembre 2016 e il 31 ottobre 2017). A guidare la lista dei 50 Paesi dove i cristiani sono più perseguitati, sono la Corea del Nord e l’Afghanistan. Nelle “top ten” ci sono però anche Somalia, Sudan, Pakistan, Eritrea, Libia, Iraq, Yemen e Iran. È in Pakistan che la persecuzione ha i connotati più violenti in assoluto. I Paesi europei nella lista sono la Turchia, al 31° posto, e l’Azerbaigian, al 45°. Colombia e Messico gli unici del continente americano. Una escalation di intolleranza è stata registrata in Libia e in India, dove a motivo della crescente influenza del radicalismo induista sono stati compiute aggressioni su oltre 24mila cristiani indiani. Nel corso degli scorsi mesi sono peggiorate anche il Nepal (che è entrato quest’anno nella classifica ed è al 25° posto) e l’Azerbaigian.

“Cresce ancora la persecuzione anti-cristiana nel mondo in termini assoluti: oggi sono oltre 215 milioni i cristiani perseguitati”. È il primo dato del World Watch List 2018, il rapporto annuale dell’associazione internazionale Porte aperte, che lavora in 25 Paesi a sostegno dei cristiani di ogni denominazione vittime di soprusi e vessazioni a motivo della fede. Si tratta della lista dei 50 Paesi dove i cristiani sono più perseguitati, vale a dire dove subiscono maltrattamenti come “singoli o gruppi di persone a motivo della fede in Gesù”, che possono andare dalla discriminazione culturale e sociale, disconoscimento familiare, privazione di lavoro e di reddito, fino ad abusi fisici, torture, rapimenti, mutilazioni, distruzione di proprietà, imprigionamenti, assassini. I Paesi sono divisi in tre gruppi, in base al “grado di persecuzione” registrato: alto (con un punteggio tra 41 e 60), molto alto (61-80), estremo (81-100). Il punteggio e quindi la posizione nella classifica sono determinate dalla somma dei punteggi in sei ambiti: privato, famiglia, comunità, chiesa, vita pubblica e violenza.

    In testa a questa triste lista sono Corea del Nord e Afghanistan.

Nelle “top ten” ci sono però anche Somalia, Sudan, Pakistan, Eritrea, Libia Iraq Yemen e Iran. È in Pakistan che la persecuzione ha i connotati più violenti di tutti i 50 Paesi. I Paesi europei nella lista sono la Turchia, al 31° posto, e l’Azerbaijan, al 45°. Colombia e Messico gli unici del continente americano. Una escalation di intolleranza è stata registrata in Libia e in India, dove a motivo della crescente influenza del radicalismo induista sono stati compiute aggressioni su oltre 24mila cristiani indiani. Nel corso degli scorsi mesi sono peggiorate anche il Nepal (che è entrata quest’anno nella classifica ed è al 25°) e l’Azerbaigian.

    Secondo il Rapporto, nel periodo tra il 1.11.2016 e il 31.10.2017, 3.066 cristiani sono stati uccisi a causa della loro fede, 15.540 edifici di cristiani sono stati attaccati (chiese, case private e negozi).

La persecuzione anti-cristiana “va ben oltre” questi numeri: la si legge anche nei 1.922 cristiani detenuti senza un processo, nei 1.252 cristiani rapiti, negli oltre 1.000 stupri, così come nei 1.240 matrimoni forzati e nei 33.255 cristiani “fisicamente o mentalmente abusati”. Sono tutte “vite devastate a causa di una scelta di fede”, sottolinea Cristian Nani, il direttore di Porte Aperte che precisa: si tratta di “cifre che purtroppo sono da considerare punti di partenza poiché potenzialmente enorme è la realtà sommersa dei crimini non denunciati o non registrati contro i cristiani in molti Paesi”. Secondo Porte aperte i cristiani perseguitati in Africa sono 81,14 milioni (38%), in Asia e Medio Oriente 113,31 milioni (53%), in America Latina 20,05 milioni (9%), nel resto del mondo 11.800 (0,01%).

“L’oppressione islamica continua a essere la fonte principale di persecuzione dei cristiani, non confermandosi solamente ma estendendo la sua morsa in varie aree”, si legge nel World Watch List 2018. Ma aumenta anche il fattore “nazionalismo religioso come prorompente fonte di persecuzione anti-cristiana (e di altre minoranze)”, come ad esempio in India. “L’intolleranza sociale e lo sfruttamento politico di tale intolleranza sono il veleno di questo periodo storico”, ha sintetizzato Nani. “Il crescente movimento islamista diventa sempre più una minaccia per i cristiani e le altre comunità non musulmane in molte parti del mondo”, spiega il Rapporto che identifica cinque trend preoccupanti in quest’ambito: “la radicalizzazione delle aree dominate dall’islam”, in Africa e nel mondo musulmano non arabo asiatico; “il divario sunniti-sciiti” che si scontrano soprattutto in Medio Oriente e Asia; l’espansionismo islamico in aree a prevalenza non musulmana (specie in Africa sub-sahariana, e Indonesia, Malesia, Brunei); la simultanea radicalizzazione ed espansionismo islamico, con il caso principale della Nigeria e una pulizia etnica in base ad affiliazione religiosa, in evidente crescita in alcuni stati africani quali nordest del Kenya, della Nigeria, della Somalia e del Sudan.
lorenzojhwh Unius KING the LEVIATHAN
lorenzojhwh Unius KING the LEVIATHAN
57
 LEGA FARISEI ARABA ] i vostri stramorti all'inferno si legano ai mei esorcismi ed agonizzano! ed è una scena veramente penosa [ non ha nessuna importanza quello che voi andate CIANCIANDO! io sono l'Esercito del Signore, io sono la giustizia universale. e voi siete sempre gli apostati ribelli criminali tutti destinati alla distruzione! mene techel peres. amen. alleluia. Burn Satana in Jesus's name. amen alleluia, Drink your poison made by yourself

La cattedrale di Mosul sarà trasformata in moschea

Il cardinale Nichols dice che un vescovo cattolico iracheno riceve aggiornamenti regolari dall’ISIS

I musulmani radicali possono essere stati ostacolati nel trasformare alcuni templi cristiani in moschee – vengono in mente Hagia Sophia a Istanbul e la cattedrale di Cordoba.

Apparentemente, però, stanno avendo successo a Mosul, la seconda città dell’Iraq, conquistata dallo Stato Islamico l’estate scorsa.

Secondo il Tablet, lo stesso gruppo che uccide gli appartenenti alle minoranze religiose nel suo percorso per stabilire un califfato e distruggere i siti archeologici ritenuti idolatri sta profanando la cattedrale cattolica della città per trasformarla in una moschea.

La fonte, il cardinale Vincent Nichols, ha fatto visita di recente ai cristiani iracheni fuggiti a Erbil, nel Kurdistan iracheno.

Il cardinale Nichols ha affermato che il vescovo Emil Shimoun Nona di Erbil riceve regolarmente fotografie dai membri dello Stato Islamico che mostrano la trasformazione della cattedrale che si sta verificando.

Il porporato, presidente della Conferenza dei Vescovi Cattolici di Inghilterra e Galles, ha affermato in un articolo per itv.com che il “brutale sfollamento” dei cristiani da Mosul ha traumatizzato molte persone. “Ho incontrato padri di famiglia che non hanno più alcun senso di sé e delle proprie responsabilità. Forma e obiettivo sono scomparsi dalla loro vita. Ho sentito la loro rabbia e il crescente senso di impotenza”.

Il cardinale ha detto che le famiglie sfollate vogliono semplicemente tornare alle proprie case e nella propria terra. Perché questo sia possibile, ha commentato, “i territori devono essere liberati, la legge deve essere ristabilita e le reti sociali disperse vanno ricostruite”.

Se gli sfollati torneranno, la trasformazione della loro chiesa principale in una moschea sarà una delle tante cose che bisognerà risolvere.
lorenzojhwh Unius KING the LEVIATHAN
lorenzojhwh Unius KING the LEVIATHAN
58
 LEGA FARISEI ARABA ] i vostri stramorti all'inferno si legano ai mei esorcismi ed agonizzano! ed è una scena veramente penosa [ non ha nessuna importanza quello che voi andate CIANCIANDO! io sono l'Esercito del Signore, io sono la giustizia universale. e voi siete sempre gli apostati ribelli criminali tutti destinati alla distruzione! mene techel peres. amen. alleluia. Burn Satana in Jesus's name. amen alleluia, Drink your poison made by yourself

In alcuni Stati si registrano episodi di persecuzione. È quanto emerge dal Rapporto 2016 sulla libertà religiosa nel mondo presentato da Aiuto alla Chiesa che soffre.

Un Paese su 5 nel mondo non garantisce la libertà religiosa, in alcuni si registrano episodi di vera e propria persecuzione, e la situazione è peggiorata nell’ultimo anno. È quanto emerge dal Rapporto 2016 sulla libertà religiosa nel mondo presentato da Aiuto alla Chiesa che Soffre (Acs).

[La presentazione del Rapporto sulla libertà religiosa nel mondo nella Sala della Stampa Estera. (Foto di Liverani)]

La presentazione del Rapporto sulla libertà religiosa nel mondo nella Sala della Stampa Estera. (Foto di Liverani)

Dei 196 Paesi analizzati, «38 mostrano indiscutibili prove di significative violazioni alla libertà religiosa. All’interno di questo gruppo, 23 nazioni sono state poste nella categoria persecuzione e le rimanenti 15 in quella di discriminazione», sottolinea la fondazione pontificia. Rispetto all’ultima edizione del Rapporto «il rispetto della libertà religiosa è chiaramente peggiorato in 14 Paesi». Il diffondersi del fondamentalismo, soprattutto di stampo islamico, causa in alcuni Paesi anche ondate migratorie senza precedenti, evidenzia ancora Acs.

Tra gli Stati dove la libertà religiosa è maggiormente compromessa figurano Bangladesh, Eritrea, Kenya, Pakistan,Sudan, Yemen per citarne alcuni.

[Da sinistra il professor Giuliano Amato, il presidente internazionale di Acs, il cardinale Mauro Piacenza, il direttore di Avvenire, Marco Tarquinio. (Foto di Liverani)]

Da sinistra il professor Giuliano Amato, il presidente internazionale di Acs, il cardinale Mauro Piacenza, il direttore di Avvenire, Marco Tarquinio. (Foto di Liverani)

Il Rapporto di Aiuto alla Chiesa che Soffre confuta la tesi secondo la quale i governi sono il principale responsabile delle persecuzioni religiose. «Attori non statali, quali organizzazioni fondamentaliste o militanti, sono responsabili delle persecuzioni in 12 dei 23 Paesi in cui si registrano le violazioni più gravi», si rileva nel dossier che pone l’accento sull’emergere di «un nuovo fenomeno di violenze a sfondo religioso, che può essere descritto come iper-estremismo islamico, ovvero un processo di accresciuta radicalizzazione la cui espressione violenta non ha precedenti.

[Aiuto alla Chiesa che Soffre (ACS) sezione italiana già ad aprile aveva organizzato una manifestazione per ricordare i martiri cristiani nel mondo colorando di rosso la fontana di Trevi]

Aiuto alla Chiesa che Soffre (ACS) sezione italiana già ad aprile aveva organizzato una manifestazione per ricordare i martiri cristiani nel mondo colorando di rosso la fontana di Trevi

Sin dalla metà del 2014, violenti attacchi islamisti hanno avuto luogo in una nazione su cinque nel mondo».

Per gli analisti della fondazione pontificia inoltre «l’estremismo islamico e l’iper-estremismo, osservati in Paesi quali Afghanistan, Somalia e Siria, rappresentano un fattore chiave del massiccio aumento del numero di rifugiati nel mondo che nel 2015, secondo dati forniti dalle Nazioni Unite, sono aumentati di circa 5,8 milioni giungendo alla quota record di 65,3 milioni».
lorenzojhwh Unius KING the LEVIATHAN
lorenzojhwh Unius KING the LEVIATHAN
59
 LEGA FARISEI ARABA ] i vostri stramorti all'inferno si legano ai mei esorcismi ed agonizzano! ed è una scena veramente penosa [ non ha nessuna importanza quello che voi andate CIANCIANDO! io sono l'Esercito del Signore, io sono la giustizia universale. e voi siete sempre gli apostati ribelli criminali tutti destinati alla distruzione! mene techel peres. amen. alleluia. Burn Satana in Jesus's name. amen alleluia, Drink your poison made by yourself

“La nostra Chiesa è Chiesa dei martiri”. Nella Messa mattutina a Casa Santa Marta, soffermandosi sulla lapidazione di Santo Stefano, Papa Francesco ricorda con parole commosse quanti oggi sono perseguitati e uccisi perché cristiani. E sottolinea che ci sono anche “martiri nascosti” che cercano strade nuove per aiutare i fratelli e per questo vengono perseguitati dai “Sinedri moderni”. Il servizio di Alessandro Gisotti:

La Prima Lettura, tratta dagli Atti degli Apostoli, mostra il giudizio del Sinedrio contro Stefano e la sua lapidazione. Da questa scena drammatica si sviluppa l’omelia di Francesco che, nel cuore, porta i volti e le storie di tanti che anche oggi, come il primo martire della Chiesa, sono perseguitati e uccisi solo perché fedeli a Gesù. I martiri, osserva il Papa, non hanno bisogno di “altri pani”, il loro unico pane è Gesù. E sottolinea che Stefano “non aveva bisogno di andare al negoziato, ai compromessi”.

La Parola di Dio dà fastidio ai cuori duri
La sua testimonianza è tale che i suoi detrattori “non riuscivano a resistere alla sapienza” e allo spirito “con cui egli parlava”. Come Gesù, anche Stefano deve affrontare falsi testimoni e la sollevazione del popolo che lo porta a giudizio. Stefano ricorda loro quanti profeti siano stati uccisi per essere stati fedeli alla Parola di Dio e quando “confessa la sua visione di Gesù”, allora i suoi persecutori si scandalizzano, si turano le orecchie per non sentirlo e poi lo trascinano fuori della città per lapidarlo.
“La Parola di Dio sempre dispiace a certi cuori. La Parola di Dio dà fastidio, quando tu hai il cuore duro, quando tu hai il cuore pagano, perché la Parola di Dio ti interpella ad andare avanti, cercando e sfamandoti con quel pane del quale parlava Gesù. Nella Storia della Rivelazione, tanti martiri sono stati uccisi per fedeltà alla Parola di Dio, alla Verità di Dio”.

Quanti Stefani nel mondo, perseguitati perché cristiani
Il martirio di Stefano, prosegue, è simile a quello di Gesù: muore “con quella magnanimità cristiana del perdono, della preghiera per i nemici”. Questi che perseguitavano i profeti, come anche Stefano, evidenzia così Francesco, “credevano di dare gloria a Dio, credevano che con questo erano fedeli alla Dottrina di Dio”. Oggi, riprende, “vorrei ricordare che la Storia della Chiesa, la vera Storia della Chiesa, è la Storia dei Santi e dei martiri: perseguitati i martiri, tanti uccisi, da quelli che credevano di dare gloria a Dio, da quelli che credevano di avere ‘la verità’. Cuore corrotto, ma ‘la verità’”.
“In questi giorni, quanti Stefani ci sono nel mondo! Pensiamo ai nostri fratelli sgozzati sulla spiaggia della Libia; pensiamo a quel ragazzino bruciato vivo dai compagni perché cristiano; pensiamo a quei migranti che in alto mare sono buttati in mare dagli altri, perché cristiani; pensiamo – l’altro ieri – a quegli etiopi, assassinati perché cristiani … e tanti altri. E tanti altri che noi non sappiamo, che soffrono nelle carceri, perché cristiani … Oggi la Chiesa è Chiesa di martiri: loro soffrono, loro danno la vita e noi riceviamo la benedizione di Dio per la loro testimonianza”.

La nostra Chiesa è Chiesa di martiri
Ci sono, soggiunge, anche “i martiri nascosti, quegli uomini e quelle donne fedeli” alla “voce dello Spirito, che fanno strade, che cercano strade nuove per aiutare i fratelli e amare meglio Dio e vengono sospettati, calunniati, perseguitati da tanti “Sinedri moderni” che si credono padroni della verità: tanti martiri nascosti!”:
“E anche tanti martiri nascosti che per essere fedeli nella loro famiglia soffrono tanto per fedeltà. La nostra Chiesa è Chiesa di martiri. E adesso, nella nostra celebrazione verrà da noi il primo martire, il primo che ha dato testimonianza e più: e salvezza, a tutti noi. Uniamoci a Gesù nell’Eucaristia, e uniamoci a tanti fratelli e sorelle che soffrono il martirio della persecuzione, della calunnia e dell’uccisione per essere fedeli all’unico pane che sazia, cioè a Gesù”.
lorenzojhwh Unius KING the LEVIATHAN

 LEGA FARISEI ARABA ] i vostri stramorti all'inferno si legano ai mei esorcismi ed agonizzano! ed è una scena veramente penosa [ non ha nessuna importanza quello che voi andate CIANCIANDO! io sono l'Esercito del Signore, io sono la giustizia universale. e voi siete sempre gli apostati ribelli criminali tutti destinati alla distruzione! mene techel peres. amen. alleluia. Burn Satana in Jesus's name. amen alleluia, Drink your poison made by yourself
 ora fa
17, 1. Anche il giorno prima dei giochi, mentre consumavano l’ultima cena (quella che chiamano «libera»: ma per loro non era una cena libera, bensì un’agape), essi tutti, dando prova del medesimo coraggio mostrato da Perpetua, si rivolsero alla folla minacciando il giudizio di Dio, esaltando la gioia del loro martirio, deridendo la vana curiosità di quanti erano accorsi per vederli. Diceva Saturo: 2. «Non vi basta domani? Com’è possibile che guardiate tanto volentieri proprio coloro che disprezzate? Oggi amici, domani nemici! Ma osservate bene le nostre facce, affinché possiate riconoscerci, in quel giorno». 3. Così, non vi fu uno che non si allontanasse sconvolto, e molti si convertirono.

18, 1. Splendette, infine, il giorno della vittoria, e passarono dalla prigione nell’anfiteatro come se fosse in cielo, esultanti ma pieni di dignità, trepidanti forse, ma di gioia, non di paura. 2. Li seguiva Perpetua, con volto luminoso e incedere calmo, da vera sposa di Cristo, la prediletta di Dio, e aveva una forza tale nello sguardo che nessuno fu in grado di sostenerlo. 3. Anche Felicita gioiva di aver partorito senza danno e di poter combattere contro le fiere, passando da sangue a sangue, dalla levatrice al reziario, decisa a bagnarsi, dopo il parto, di un secondo battesimo. 4. Condotti alla porta, volevano costringerli a indossare, gli uomini l’abito di sacerdoti di Saturno, le donne quello di iniziate di Cerere, ma Perpetua, questa donna coraggiosa, vi s’oppose con forza incrollabile. 5. Disse infatti: «Siamo giunti al martirio spontaneamente, proprio perché la nostra libertà non venisse incatenata; abbiamo rinunciato alla nostra vita, proprio per non essere costretti a far cose simili: questo era il patto che avevamo concordato». 6. L’ingiustizia riconobbe ciò che era giusto: il tribuno consentì che venissero fatti entrare vestiti così com’erano. 7. Perpetua cantava vittoria: già calcava sotto il piede la testa dell’egiziano. Revocato, Saturnino e Saturo presero a minacciare la folla. 8. Poi, giunti che furono al cospetto di Ilariano, con gesti della mano e cenni del capo gli fecero capire: «Tu a noi, ma a te Dio». 9. Al che la folla, esasperata, chiese che venissero fustigati sfilando davanti a una schiera di gladiatori: ma quelli furono ben lieti di subire uno dei supplizi della passione del Signore.

19, 1. Ma colui che aveva detto: «Chiedete e vi sarà dato», poiché l’avevano chiesta, diede a ciascuno la morte che desiderava. 2. Quando il discorso era caduto sul genere di martirio che avrebbero desiderato, Saturnino aveva dichiarato che avrebbe voluto essere esposto non a una, ma a tutte le fiere, appunto perché la corona risultasse la più gloriosa possibile. 3. E infatti, proprio all’inizio dei giochi, prima lottò, assieme a Revocato, contro i leopardi, poi fu legato sul palco ed esposto agli assalti dell’orso. 4. Saturo invece non detestava nulla più dell’orso: sperava, piuttosto, di venire ucciso dal morso di un leopardo. 5. E infatti, esposto a un cinghiale, non fu lui a morire, bensì, qualche giorno dopo i giochi, il cacciatore che lo aveva legato al cinghiale, e proprio per le ferite infertegli dall’animale; Saturo, invece, venne solo trascinato in giro per l’arena. 6. Fu poi legato al palo del palco, esposto all’orso, ma l’orso si rifiutò di lasciare la gabbia. Così, per la seconda volta, Saturo ne uscì illeso.

20, 1. Per le giovani donne, invece, il Demonio aveva preparato una vacca ferocissima (che proprio per questo era stata scelta, contro il normale uso circense), certamente allo scopo di stabilire un’odiosa corrispondenza col loro sesso. 2. Esse dunque vennero fatte scendere nell’arena spogliate delle loro vesti e avvolte in reti. La folla rabbrividì vedendo che una era una fanciulla di eccezionale bellezza, e, l’altra, una donna che aveva appena partorito, col latte che ancora gocciava dalle mammelle. 3. Furono allora richiamate e vestite di una tunica senza cintura. La prima ad essere colpita fu Perpetua, che cadde sulla schiena. 4. Tiratasi a sedere, trovò la forza di aggiustarsi la tunica, strappata su un fianco, in modo da coprire l’anca e la coscia, dandosi maggior pena del pudore che del dolore. 5. Poi, chiesto un fermaglio, raccolse e fissò i capelli sciolti: non era decoroso che una martire patisse coi capelli sciolti: non doveva sembrare in lutto in un momento tanto glorioso. 6. Quindi si alzò e, vedendo che Felicita era stata gettata a terra, le si avvicinò, le tese
lorenzojhwh Unius KING the LEVIATHAN

 LEGA FARISEI ARABA ] i vostri stramorti all'inferno si legano ai mei esorcismi ed agonizzano! ed è una scena veramente penosa [ non ha nessuna importanza quello che voi andate CIANCIANDO! io sono l'Esercito del Signore, io sono la giustizia universale. e voi siete sempre gli apostati ribelli criminali tutti destinati alla distruzione! mene techel peres. amen. alleluia. Burn Satana in Jesus's name. amen alleluia, Drink your poison made by yourself
 ora fa
La descrizione della morte nel circo nella passione delle Sante Perpetua e Felicita

Perpetua e Felicita vennero martirizzate nel 203 a Cartagine e, precisamente, nell’anfiteatro cittadino, in una struttura cioè simile al Colosseo di Roma, sebbene più piccolo. Con loro vennero uccisi altri catecumeni: Revocato, Felice, Saturnino e Secondino. L’uccisione avvenne in base al primo editto di persecuzione dei cristiani del nord Africa emanate nel 202 durante il regno dell’imperatore Settimio Severo – Cartagine è l’odierna Tunisi.

La passio che racconta del martirio è ritenuta dagli studiosi immediatamente successiva agli eventi. Un tempo attribuita a Tertulliano è, invece, oggi attribuita ad un cristiano anonimo della comunità di Cartagine.

Il testo fornisce, fra l’altro, una descrizione dei giochi del circo. In essi moltissimi, come Perpetua, Felicita e gli altri martiri del 203, vennero esposti alle fiere e, ove queste non li avessero uccisi, su giudizio della folla giugulati. Ovviamente tale tipo di morte non era riservata solo ai cristiani, ma a persone di qualsiasi religione.

Il racconto della passione di Felicita e Perpetua mostra come gli anfiteatri per i giochi fossero i luoghi più orrendi costruiti dai romani, luoghi che non sono simbolo della grandezza della civiltà latina, bensì ne rappresentano il punto più basso. I romani dovrebbero vergognarsi del Colosseo, nel quale avvenivano ad ogni nuova edizione i giochi, eventi che non si deve esitare a definire demoniaci – il testo della passiocartaginese non manca di rilevarlo. Gli ultimi rimasugli degli antichi giochi gladiatori sopravvivono oggi nella “corrida” spagnola, ma con l ‘uomo in posizione decisamente privilegiata rispetto all’animale a differenza del passato.

La passio descrive i giochi fin dal momento dell’ingresso nell’arena di coloro che dovevano essere esposti alle fiere, poiché ogni anfiteatro per i giochi gladiatori aveva una porta di accesso dalla quale entravano sia i gladiatori che i condannati – nel caso del Colosseo tale accesso era sul lato del Ludus magnus, il lato opposto rispetto a quello più vicino  oggi all’ingresso dei visitatori. Le bestie feroci, invece, erano fatte entrare sull’arena dai sotterranei, tramite elevatori costruiti in legno e corde.

Vibia Perpetua era una nobile e colta donna di Cartagine, da poco madre, mentre tutti gli altri, compresa Felicita che partorì in carcere, appartenevano alla sua servitù. Erano tutti catecumeni, ma vennero battezzati subito dopo il loro arresto, prima del martirio. Il testo lascia comprendere chiaramente che sarebbe bastata l’apostasia dalla fede per avere salva la vita. Ma Perpetua e gli altri si rifiutarono di abbandonare la fede e non vollero sacrificare alle divinità pagane.

Di seguito la parte del testo che descrive il martirio e, indirettamente, I giochi circensi (tratto dal volume Bastiaensen A.A.R.-Hilhorst A.-Kortekaas G.A.A.-Orbán A.P.-van Assendelft M.M. (a cura di), Atti e passioni dei martiri, Fondazione Lorenzo Valla/Arnoldo Mondadori Editore, Milano, 1987, pp. 135-147):

[…]

15, 1. Per quanto riguarda Felicita, le toccò questa grazia del Signore. 2. Già incinta al momento dell’arresto, era ormai all’ottavo mese. Approssimandosi il giorno dei giochi, era grandemente afflitta dal timore che la sua esecuzione venisse rinviata a causa del suo stato (non era consentito sottoporre ad esecuzione le donne incinte), per poi esser costretta a versare il suo sangue santo e innocente tra delinquenti comuni. 3. Gli altri, a loro volta, si rattristavano molto al pensiero di dover lasciare questa buona compagna a far da sola il viaggio, tanto atteso da tutti come meta comune. 4. Con un solo gemito e una sola voce levarono quindi una preghiera al Signore (era l’antivigilia dei giochi). 5. Appena terminata la preghiera, le vennero le doglie. Poiché il travaglio era molto doloroso (com’era naturale, trattandosi di un parto precoce), un carceriere le disse: «Se soffri tanto adesso, cosa farai quando ti daranno alle fiere? E pensare che sembravi disprezzarle, quando ti sei rifiutata di sacrificare!». 6. Lei rispose: «Adesso sono io che soffro quel che soffro; allora, sarà in me un altro che soffrirà al posto mio, poiché io subirò il martirio per lui». 7. E diede alla luce una bimba, che una consorella nella fede allevò come fosse sua figlia.

16, 1. Poiché lo Spirito Santo ha reso possibile, e quindi voluto, che venisse posta per iscritto anche la cronaca relativa ai fatti del circo, noi, seppure indegni di aggiungere alcunché alla descrizione di una gloria tanto grande, alleghiamo qui, ad esecuzione dell’ordine, o meglio delle volontà testamentarie, della santissima Perpetua, una testimonianza della sua forza e sublimità d’animo. 2. Il tribuno, prestando orecchio alle insinuazioni di gente superstiziosa e temendo che i prigionieri venissero fatti fuggire dal carcere con l’aiuto di formule e pratiche magiche, li rimproverava di continuo e li trattava assai male. Perpetua osò affrontarlo di persona: 3. «Ma come, impedisci a noi di prendere un pasto decente, a noi, condannati nobilissimi di Cesare, a noi, destinati a scendere nell’arena il giorno del suo compleanno? Non torna forse a tua maggior gloria se veniamo condotti al circo ben bene ingrassati?». 4. Il tribuno trasalì e arrossì, e ordinò di trattarli più umanamente, che venisse cioè consentito ai fratelli di lei e agli altri di avvicinarli e di pranzare con loro. A quest’epoca, il sottufficiale preposto al carcere era già stato convertito.
lorenzojhwh Unius KING the LEVIATHAN

 LEGA FARISEI ARABA ] i vostri stramorti all'inferno si legano ai mei esorcismi ed agonizzano! ed è una scena veramente penosa [ non ha nessuna importanza quello che voi andate CIANCIANDO! io sono l'Esercito del Signore, io sono la giustizia universale. e voi siete sempre gli apostati ribelli criminali tutti destinati alla distruzione! mene techel peres. amen. alleluia. Burn Satana in Jesus's name. amen alleluia, Drink your poison made by yourself
 ora fa
Ancora oggi si uccidono cristiani in nome di Dio, ma lo Spirito Santo dà la forza di testimoniare fino al martirio: è quanto ha detto Papa Francesco nella Messa del mattino a Casa Santa Marta.

Anche oggi c’è chi uccide i cristiani credendo di rendere culto a Dio
Nel Vangelo del giorno, Gesù annuncia ai discepoli lo Spirito Santo: “Io ho tante cose da dirvi, ma in questo momento voi non siete capaci di portarne il peso; ma quando verrà il Paraclito, lo Spirito di verità, Egli vi guiderà a tutta la verità”. Il Signore “parla del futuro, della croce che ci aspetta e ci parla dello Spirito, che ci prepara a dare la testimonianza cristiana”. Quindi parla “dello scandalo delle persecuzioni”, lo “scandalo della Croce”. “La vita della Chiesa – osserva il Papa – è un cammino guidato dallo Spirito” che ci ricorda le parole di Gesù e “ci insegna le cose che ancora Gesù non ha potuto dirci”: “è compagno di cammino” e “ci difende anche” dallo “scandalo della Croce”. La Croce è infatti scandalo per i giudei che “chiedono segni” e stoltezza per “i greci, cioè i pagani” che “chiedono sapienza, idee nuove”. I cristiani invece predicano Cristo crocifisso. Così, Gesù prepara i discepoli perché non si scandalizzino della Croce di Cristo: “Vi scacceranno dalle sinagoghe – dice Gesù – anzi viene l’ora in cui chiunque vi ucciderà, crederà di rendere culto a Dio”:

“Oggi siamo testimoni di questi che uccidono i cristiani in nome di Dio, perché sono miscredenti, secondo loro. Questa è la Croce di Cristo: ‘Faranno ciò, perché non hanno conosciuto né il Padre né me’. ‘Questo che è accaduto a me – dice Gesù – accadrà anche a voi – le persecuzioni, le tribolazioni – ma per favore non scandalizzatevi; sarà lo Spirito a guidarci e a farci capire’”.

La forza dello Spirito dei fedeli copti sgozzati sulla spiaggia
In questo contesto, Papa Francesco ricorda il colloquio telefonico avuto ieri col Patriarca copto Tawadros, “perché era il giorno dell’amicizia copto-cattolica”:

“Ma io ricordavo i suoi fedeli, che sono stati sgozzati sulla spiaggia perché cristiani. Questi fedeli, per la forza che gli ha dato lo Spirito Santo, non si sono scandalizzati. Morivano col nome di Gesù sulle labbra. E’ la forza dello Spirito. La testimonianza. E’ vero, questo è proprio il martirio, la testimonianza suprema”.

La testimonianza di ogni giorno
“Ma c’è anche la testimonianza di ogni giorno – ha proseguito – la testimonianza di rendere presente la fecondità della Pasqua” che “ci dà lo Spirito Santo, che ci guida verso la verità piena, la verità intera, e ci fa ricordare questo che Gesù ci dice”: “Un cristiano che non prende sul serio questa dimensione ‘martiriale’ della vita non ha capito ancora la strada che Gesù ci ha insegnato: strada ‘martiriale’ di ogni giorno; strada ‘martiriale’ nel difendere i diritti delle persone; strada ‘martiriale’ nel difendere i figli: papà, mamma che difendono la loro famiglia; strada ‘martiriale’ di tanti, tanti ammalati che soffrono per amore di Gesù. Tutti noi abbiamo la possibilità di portare avanti questa fecondità pasquale su questa strada ‘martiriale’, senza scandalizzarci”.

Il Papa conclude con questa preghiera: “Chiediamo al Signore la grazia di ricevere lo Spirito Santo che ci farà ricordare le cose di Gesù, che ci guiderà alla verità tutta intera e ci preparerà ogni giorno a rendere questa testimonianza, a dare questo piccolo martirio di ogni giorno o un grande martirio, secondo la volontà del Signore”.
lorenzojhwh Unius KING the LEVIATHAN

 LEGA FARISEI ARABA ] i vostri stramorti all'inferno si legano ai mei esorcismi ed agonizzano! ed è una scena veramente penosa [ non ha nessuna importanza quello che voi andate CIANCIANDO! io sono l'Esercito del Signore, io sono la giustizia universale. e voi siete sempre gli apostati ribelli criminali tutti destinati alla distruzione! mene techel peres. amen. alleluia. Burn Satana in Jesus's name. amen alleluia, Drink your poison made by yourself
 ora fa
caro Papa Francesco ] io ho rimproverato 6mesi fa spesalvi.it
perché non aveva una sezione dedicata al martirio dei cristiani.. ma, vedo che si sono riscattati!
https://www.spesalvi.it/cristiani-uccisi-testimoni-del-martirio/
chi metterà la museruola alla BESTIA islamica shariah ] nazismo e genocidio senza laicità e senza reciprocità...
lorenzojhwh Unius KING the LEVIATHAN

 LEGA FARISEI ARABA ] i vostri stramorti all'inferno si legano ai mei esorcismi ed agonizzano! ed è una scena veramente penosa [ non ha nessuna importanza quello che voi andate CIANCIANDO! io sono l'Esercito del Signore, io sono la giustizia universale. e voi siete sempre gli apostati ribelli criminali tutti destinati alla distruzione! mene techel peres. amen. alleluia. Burn Satana in Jesus's name. amen alleluia, Drink your poison made by yourself
 ora fa
Nel 2015 le persecuzioni contro i cristiani si sono ulteriormente inasprite e moltiplicate, estendendosi a Paesi in cui in passato erano assenti. I cristiani uccisi per la loro fede sono saliti a 7.100, contro i 4.344 del 2014, e oltre 2.400 chiese sono state attaccate, distrutte o gravemente danneggiate, più del doppio rispetto al 2014 quando gli attacchi erano stati 1.062. È quanto emerge dalla edizione 2016 della Word Watch List, la classifica dei 50 paesi in cui i cristiani sono più perseguitati (clicca qui).

La Word Watch List è redatta ogni anno da Open Doors, PorteAperte, l’organizzazione non governativa che da oltre 60 anni documenta la situazione dei cristiani nel mondo, «li soccorre con la preghiera e li assiste con aiuti materiali al fine – come si legge nella pagina web di presentazione dell’organismo – di incoraggiare i cristiani a resistere alle persecuzioni e a far risplendere la luce di Cristo». Per la quattordicesima volta consecutiva, il primo Stato dell’elenco è la Corea del Nord in cui un regime comunista spietato proibisce ogni forma di devozione anche privata. Da 50.000 a 70.000 cristiani scoperti a violare i divieti di culto sono detenuti in campi di lavoro forzato, in condizioni spaventose. Per loro Open Doors chiede di pregare e per gli eroici sacerdoti che tentano di assistere i fedeli sfidando la collera del regime.

La cartina delle persecuzioni della WWList

Al secondo posto si trova l’Iraq, terzo nella precedente edizione della classifica, un Paese in cui icristiani hanno vissuto per due millenni e dal quale adesso stanno scomparendo, messi in fuga dallo Stato Islamico. In terza posizione si trova l’Eritrea, comparsa nel 2002 per la prima volta nella classifica che ha rapidamente risalito raggiungendo la nona posizione nel 2014. Quella eritrea è una delle peggiori dittature del pianeta. Il regime proibisce ogni forma di associazione e controlla tutte le istituzioni religiose. Inoltre ha contribuito fortemente alla nascita e alla diffusione dell’Islam radicale nel Corno d’Africa.

Scorrendo il resto della classifica, il dato che emerge con tutta evidenza è la conferma che l’Islam è ilprimo e principale responsabile delle attuali persecuzioni anticristiane. Sono, infatti, islamici sette dei nove Stati al vertice dell’elenco, in cui la persecuzione è tanto grave da essere definita “estrema”. Oltre all’Iraq, sono, nell’ordine, Afghanistan, Siria, Pakistan, Somalia, Sudan e Iran. Nella fascia successiva, quella dei 16 Paesi in cui la persecuzione è “molto alta”, figurano 10 Stati a maggioranza islamica; in altri due – il Kenya, a maggioranza cristiana, e la Nigeria, dove gli islamici sono circa il 50% della popolazione – i cristiani sono minacciati da gruppi jihadisti, rispettivamente al Shabaab, nato in Somalia, alleato con al Qaeda, e Boko Haram, da oltre un anno legato allo Stato Islamico; e, infine, in Etiopia l’estremismo islamico concorre alla persecuzione insieme ad altri fattori.

In tutto sono 35 su 50 gli Stati in cui è l’Islam a limitare la libertà di culto, a discriminare i cristiani e a sottoporli a forme di violenza anche estrema.  Il secondo dato rilevante è la conferma della difficile la situazione dei cristiani che vivono in Africa. I Paesi africani presenti nell’elenco sono 16, come in quello precedente: ma in sette la situazione è peggiorata e metà compaiono nelle due fasce superiori in cui la persecuzione è “estrema” e “molto alta”. Inoltre sono africani nove dei 15 Stati successivi, dal 51° al 65° posto, in cui i cristiani sono perseguitati anche se in forma meno grave. Secondo Open Doors, in termini numerici la condizione dei cristiani in Africa è forse peggiore persino che in Medio Oriente.

Sicuramente Africa, Medio Oriente e Asia centrale sono le aree geografiche in cui la persecuzioneanticristiana cresce più rapidamente. Open Doors evidenzia inoltre altre tendenze allarmanti: l’ampliamento della sfera d’azione dello Stato Islamico in diversi stati in cui dei gruppi armati alleati hanno creato dei Califfati; un rafforzamento dei nazionalismi e delle misure di controllo lesive delle libertà personali, in risposta all’estremismo islamico; da parte dei musulmani, una più rigorosa pratica religiosa, pericolosa perché può sfociare in atteggiamenti intolleranti nei confronti dei fedeli di altre religioni, per timore che i loro paesi possano cadere nelle mani degli estremisti e che delle cellule dormienti dello Stato Islamico possano diventare attive; e ancora un aumento degli stati in cui le minoranze, incluse quelle cristiane, sono lasciate in balia di gruppi violenti.

Un’ulteriore tendenza rilevata dai relatori della World Watch List è l’intensificarsi dell’esodo deicristiani, un fenomeno che riguarda soprattutto paesi e territori a maggioranza islamica, devastati dai jihadisti. Anche in questo caso, se il Medio Oriente è la situazione più disperata, l’Africa ormai non è da meno. In questo continente, in particolare nelle regioni sub sahariane, è andato crescendo il numero dei cristiani – nell’ordine delle centinaia di migliaia – profughi e sfollati, in fuga da regioni, come ad esempio quelle del nord est del Kenya e della Nigeria, in cui la presenza jihadista non lascia più speranze.
lorenzojhwh Unius KING the LEVIATHAN

 LEGA FARISEI ARABA ] i vostri stramorti all'inferno si legano ai mei esorcismi ed agonizzano! ed è una scena veramente penosa [ non ha nessuna importanza quello che voi andate CIANCIANDO! io sono l'Esercito del Signore, io sono la giustizia universale. e voi siete sempre gli apostati ribelli criminali tutti destinati alla distruzione! mene techel peres. amen. alleluia. Burn Satana in Jesus's name. amen alleluia, Drink your poison made by yourself
 ora fa
“La nostra Chiesa è Chiesa dei martiri”. Nella Messa mattutina a Casa Santa Marta, soffermandosi sulla lapidazione di Santo Stefano, Papa Francesco ricorda con parole commosse quanti oggi sono perseguitati e uccisi perché cristiani. E sottolinea che ci sono anche “martiri nascosti” che cercano strade nuove per aiutare i fratelli e per questo vengono perseguitati dai “Sinedri moderni”. Il servizio di Alessandro Gisotti:

La Prima Lettura, tratta dagli Atti degli Apostoli, mostra il giudizio del Sinedrio contro Stefano e la sua lapidazione. Da questa scena drammatica si sviluppa l’omelia di Francesco che, nel cuore, porta i volti e le storie di tanti che anche oggi, come il primo martire della Chiesa, sono perseguitati e uccisi solo perché fedeli a Gesù. I martiri, osserva il Papa, non hanno bisogno di “altri pani”, il loro unico pane è Gesù. E sottolinea che Stefano “non aveva bisogno di andare al negoziato, ai compromessi”.

La Parola di Dio dà fastidio ai cuori duri
La sua testimonianza è tale che i suoi detrattori “non riuscivano a resistere alla sapienza” e allo spirito “con cui egli parlava”. Come Gesù, anche Stefano deve affrontare falsi testimoni e la sollevazione del popolo che lo porta a giudizio. Stefano ricorda loro quanti profeti siano stati uccisi per essere stati fedeli alla Parola di Dio e quando “confessa la sua visione di Gesù”, allora i suoi persecutori si scandalizzano, si turano le orecchie per non sentirlo e poi lo trascinano fuori della città per lapidarlo.
“La Parola di Dio sempre dispiace a certi cuori. La Parola di Dio dà fastidio, quando tu hai il cuore duro, quando tu hai il cuore pagano, perché la Parola di Dio ti interpella ad andare avanti, cercando e sfamandoti con quel pane del quale parlava Gesù. Nella Storia della Rivelazione, tanti martiri sono stati uccisi per fedeltà alla Parola di Dio, alla Verità di Dio”.

Quanti Stefani nel mondo, perseguitati perché cristiani
Il martirio di Stefano, prosegue, è simile a quello di Gesù: muore “con quella magnanimità cristiana del perdono, della preghiera per i nemici”. Questi che perseguitavano i profeti, come anche Stefano, evidenzia così Francesco, “credevano di dare gloria a Dio, credevano che con questo erano fedeli alla Dottrina di Dio”. Oggi, riprende, “vorrei ricordare che la Storia della Chiesa, la vera Storia della Chiesa, è la Storia dei Santi e dei martiri: perseguitati i martiri, tanti uccisi, da quelli che credevano di dare gloria a Dio, da quelli che credevano di avere ‘la verità’. Cuore corrotto, ma ‘la verità’”.
“In questi giorni, quanti Stefani ci sono nel mondo! Pensiamo ai nostri fratelli sgozzati sulla spiaggia della Libia; pensiamo a quel ragazzino bruciato vivo dai compagni perché cristiano; pensiamo a quei migranti che in alto mare sono buttati in mare dagli altri, perché cristiani; pensiamo – l’altro ieri – a quegli etiopi, assassinati perché cristiani … e tanti altri. E tanti altri che noi non sappiamo, che soffrono nelle carceri, perché cristiani … Oggi la Chiesa è Chiesa di martiri: loro soffrono, loro danno la vita e noi riceviamo la benedizione di Dio per la loro testimonianza”.
Shariah Gender Bilderberg #Netanjahu ] ma tu sei per "Regno Israele x Adonia ROTHSCHILD, oPPURE, tu sei x Salomone UNIUS REI? ] Netanjahu ] tu non ti dovresti fare ingannare dai tuoi rabbini! [ Gesù di Betlemme per gli islamici è la "Parola di Dio" che si è "incarnata nel seno di Maria Vergine immacolata per opera della Spirito Santo".. Quindi Gesù di Betlemme è superiore a Moametto per i mussulmani! purtroppo però i Farisei sinagoga satana hanno detto che il Vangelo è Falso... e questo è il motivo perché adesso 6milioni di israeliani senza genealogia paterna saranno sacrificati su SpA FED FMI Human sacrifice 666 Cremation of Care NWO regime Bilderberg! mi dispiace: "addio!"

burn Federal Reserve Banks Satana in Jesus's name ] "vieni quì cagna!" [ non ti farò soffrire molto! ] non mi importa che Lilith Allah soffre come una cagna! io e i demoni abbiamo una convenzione presso il trono di JHWH holy .. e la convenzione deve essere rispettata!


Shariah Gender Bilderberg
onore alle "aquile" gli eroi! se il funerale fosse stato fatto in Kosovo: 3000 cimiteri monasteri e Chiese disintegrate, fratellanza internazionale islamica, genocidio a tutti i serbi e ai soldati della NATO con la complicità della NATO e del MainStreem NetWorkSatellite TV.. certo avrebbero trovato un kamikaze Erdogan testa di cazz0 shariah akbar ... che si sarebbe fatto esplodere tra la folla!

BELGRADO, 18 GEN - Una folla commossa e silenziosa ha partecipato oggi al cimitero di Belgrado alla cerimonia funebre in memoria di Oliver Ivanovic, il noto esponente politico della comunità serba i
n Kosovo ucciso a colpi d'arma da fuoco in un agguato martedì scorso a Kosovska Mitrovica.
A dare l'estremo saluto a Ivanovic vi erano esponenti politici, rappresentanti della società civile, della cultura, dello sport, dello spettacolo. Ma soprattutto centinaia di comuni cittadini che hanno deposto fiori e acceso candele per rendere omaggio a un uomo considerato uno strenuo difensore degli interessi dei serbi del Kosovo.
http://www.ansa.it/.../folla-a-belgrado-per-funerali...
Regno Israele x Adonia o x Salomone
cioè questi pervertiti Putin Vladimir: "Lenin è un Santo" e "i comunisti sono come i cristiani" loro vogliono che sia io a calunniare me stesso per una violazione che non ho mai commesso! dopotutto non è mai successo che abbiano concesso una seconda possibilità ai miei 8 account precedenti!
Buongiorno, messiah & madhì!
Il tuo account sputniknews.com è stato bloccato
probabilmente non hai rispettato il regolamento dei commenti
In caso di una o più violazioni del regolamento, ti ricordiamo che l’accesso al sito può essere bloccato senza notifica preliminare.
Puoi abilitare il servizio di ripristino password scrivendo a moderator.it@sputniknews.com
Il messaggio deve contenere i seguenti parametri:
Oggetto: recupero password
Login
Explanation for the action that constituted the abovementioned violation of the rules and led to the suspension of the account.

Il moderator può ripristinare l’accesso all’account dopo aver visionato la richiesta.

==================
funny
Guido Elia https://www.facebook.com/guido.elia è terrorizzato perché lui non sa potrebbe difendersi dagli islamici da solo senza di me! MA IO NON DIFENDO ISRAELE IN INTERNET COME LUI perché io sono l'Esercito del Signore JHWH... io passo alla macellazione direttamente!
22/10/2017 18:30
Guido Elia
Guido
Ciao Holy Holy Holy Jesus God Almighty Agnus Dei, sembra che uno dei tuoi post recenti potrebbe essere spam. Magari potresti eliminarlo. Se il tuo account pubblica contenuti senza la tua autorizzazione, puoi prendere dei provvedimenti. Ecco un articolo del Centro assistenza che potrebbe aiutarti: https://www.facebook.com/help/217854714899185.
-----------------
----------------
Holy Holy Holy Jesus God Almighty Agnus Dei: giovanni, io sono il DECALOGO vivente: io sono la fratellanza universale, io ho la potenza per realizzare la fratellanza universale, cioè, se i governi pensano che sia più conveniente realizzare la fratellanza universale del mio terzo tempio ebraico che non realizzare la guerra mondiale!
http://www.facebook.com/sito/notizie/mondo/mediooriente/2017/10/22/anp-gb-corregga-dichiarazione-balfour_76c4af6e-8101-45dc-9a89-0c508e5eef86.html
23/10/2017 6:12
Holy Holy Holy Jesus God Almighty Agnus Dei
cosa mi vuoi dire?
15:09
Guido Elia
Guido
Ciao Holy Holy Holy Jesus God Almighty Agnus Dei, sembra che uno dei tuoi post recenti potrebbe essere spam. Magari potresti eliminarlo. Se il tuo account pubblica contenuti senza la tua autorizzazione, puoi prendere dei provvedimenti. Ecco un articolo del Centro assistenza che potrebbe aiutarti: https://www.facebook.com/help/217854714899185.
------------
---------------------
Holy Holy Holy Jesus God Almighty Agnus Dei: Netanjahu & Bin Salman ] vedi che hacher CIA 666 NATO 322 UK 187 GENDER Sodoma mi stanno mandando link porno a raffica! http://girr**l*.com/se*/multi/maingame/
[ queste 3 donne tutte nude:
1. una somigliava alla Merkel Dorotea (ma, non come è adesso, che a Erdogan piace stuprata sul sangue del marito sgozzato), ma, come era da giovane ragazza che era un cesso 1000 volte peggio di adesso!
2. la seconda donna nuda somigliava a Mogherini, e la terza,
3. di questo sono proprio sicuro: era proprio la moglie di Bilderberg!
Bin Salman ] figlio mio [ tu devi sapere che a noi vecchietti, come me, Saud tuo Padre, e Netanjahu, a noi piacciono molto le cose ridicole, che possono essere raccontate circa il sesso, perché le nostre funzioni virili si sono molto attenuate, e le nostre donne sono in menopausa, e la loro mancata lubrificazione? accelera il fenomeno della nostra eiaculazione precoce!
https://www.youtube.com/channel/UCnlDY0bVfVJxvWrDyZ2TSJA
Bin Salman ] figlio mio [ preso atto che: 1. una sola moglie non potrebbe mai soddisfare la lussuria del marito. 2. che dopo i 70anni se non hai una moglie di 9anni neanche una moglie di 16 anni riesce a fartelo salire su! ] devo ammettere che la teologia islamica è la giusta teologia del pene felice! Quindi io ho studiato dal punto di vista giuridico, antropologico, teologico e sociale, circa tutti gli effetti positivi (tutti) e negativi (nessuno) cioè se prendiamo il punto di vista del pene! ma, se guardiamo le cose anche con la testa di sopra, e non con il Corano glande Mohammad testa di sotto... poi, dobbiamo fare una riflessione. 1° Riflessione: la sovrappopolazione si può vincere soltanto con la macellazione (adultere decapitate, ecc.. ecc.. ) e questo è vantaggioso, perché se uccidi una moglie vecchia poi, tu la puoi cambiare con una moglie giovane! 2° Riflessione: il Corano shariah è una dignitosa soluzione al rapporto extraconiugale, perché in questo modo evitiamo di uccidere i maschi... che certo non posso stare dietro ai bisogni di 4 mogli giovani!
http://www.facebook.com/sito/notizie/mondo/mediooriente/2018/01/18/siria-abbatteremo-aerei-turchi_512edb6d-7a79-4928-b249-9392071319da.html 
===============
Putin Vladimir ] sarà un miracolo del tuo Santo Stalin il Vangelo dei Comunisti Kim Jong-un [ metà dei commentatori sputniknews? sono spariti! non so cosa possono pensare di questo tutti i sacerdoti di satana di youtube... a loro? è capitato di peggio!

Vangelo dei Comunisti Kim Jong-un [ bestione Putin Vladimir ] come ho fatto con DRACULA? così, io ti farò vomitare tutto il sangue dei martiri cristiani dalla bocca!
http://democrazia-estinta.blogspot.com/2018/01/un-miracolo-del-tuo-santo-stalin.html
e questo è: un Vangelo dei tuoi Comunisti Kim Jong-un
http://morte-prematura.blogspot.com/2018/01/vangelo-dei-comunisti-kim-jong-un.html


La nostra Chiesa è Chiesa di martiri
Ci sono, soggiunge, anche “i martiri nascosti, quegli uomini e quelle donne fedeli” alla “voce dello Spirito, che fanno strade, che cercano strade nuove per aiutare i fratelli e amare meglio Dio e vengono sospettati, calunniati, perseguitati da tanti “Sinedri moderni” che si credono padroni della verità: tanti martiri nascosti!”:
“E anche tanti martiri nascosti che per essere fedeli nella loro famiglia soffrono tanto per fedeltà. La nostra Chiesa è Chiesa di martiri. E adesso, nella nostra celebrazione verrà da noi il primo martire, il primo che ha dato testimonianza e più: e salvezza, a tutti noi. Uniamoci a Gesù nell’Eucaristia, e uniamoci a tanti fratelli e sorelle che soffrono il martirio della persecuzione, della calunnia e dell’uccisione per essere fedeli all’unico pane che sazia, cioè a Gesù”.
lorenzojhwh Unius KING the LEVIATHAN

 LEGA FARISEI ARABA ] i vostri stramorti all'inferno si legano ai mei esorcismi ed agonizzano! ed è una scena veramente penosa [ non ha nessuna importanza quello che voi andate CIANCIANDO! io sono l'Esercito del Signore, io sono la giustizia universale. e voi siete sempre gli apostati ribelli criminali tutti destinati alla distruzione! mene techel peres. amen. alleluia. Burn Satana in Jesus's name. amen alleluia, Drink your poison made by yourself
 ora fa
La denuncia del rapporto «Perseguitati e dimenticati» dell’Aiuto alla Chiesa che Soffre sulle violenze in tredici paesi del mondo